RSS

Archivi tag: shoah

27 Gennaio – Giornata della memoria

Domenica prossima è il 27 Gennaio, la giornata della memoria della Shoah, non chiamiamolo “olocausto“, l’olocausto è un sacrificio gradito a Dio.

E’ importante ricordare gli orrori compiuti dalla follia nazista sull’inerme comunità ebraica d’Europa, perchè ricordare un crimine contro l’umanità è ricordare e onorare anche tutti gli altri orrori commessi dall’abominio umano, il genocidio in Rwanda, la pulizia etnica serbo-bosniaca, l’apartheid sudafricana, il genocidio degli indios e dei pellerossa delle americhe, lo sterminio nei campi profughi palestinesi di Sabra e Chatila, la Nakba…

Negare o dimenticare uno di questi significa dimenticarli tutti.

Ricordare gli orrori che siamo riusciti a commettere è l’unica chance che abbiamo di poter sperare che un giorno impareremo, e non dovremo più cedere alla convinzione che il male vincerà.

Il mio modo di celebrare la giornata della memoria è riproporvi il post che ho pubblicato l’anno scorso, è il mio modo più vivo, più sofferto, più partecipe che ho di condividere la memoria con voi, perchè quel giorno quel vecchio, condividendo la sua memoria con me, mi ha fatto vivere l’orrore nazista come se su quel treno quel giorno ci fossi anch’io.

Almeno con la memoria, con il rispetto, saliamo anche noi su quel treno, per non dimenticare, per “restare umani“…

 

 

Dalla parte delle vittime… (tutti i santi giorni)…

Era una Domenica pomeriggio di qualche anno fa, io e Monica eravamo appena arrivati in centro a Verona per il solito giretto pomeridiano tra le vetrine di via Mazzini, appena entrati in piazza Brà abbiamo notato un ingombrante oggetto parcheggiato davanti al Liston. Ci siamo avvicinati, un vecchio e arrugginito vagone merci con le piccole finestrelle in alto chiuse dal filo spinato, su un fianco campeggiava nel rossastro della ruggine una stella di David tirata con il gesso. Era uno dei vagoni merci usati dai nazisti per deportare gli ebrei nei campi di sterminio di Aushwitz, Mauthausen, Birkenau, Belzec, Treblinka…

Per un pò ci siamo soffermati in silenzio a contemplare quel vagone che sembrava essere spuntato da solo dalle nebbie del tempo, dal gelo delle nevi di Aushwitz… Echi di voci terrorizzate all’inteno sembravano ancora risuonare dalle lamiere, la mia immaginazione scorgeva visi deperiti e pallidi affacciarsi da quelle finestrelle, in passiva attesa dell’ineluttabile…

Alcuni mazzi di fiori erano stati lasciati lì, appoggiati al vagone da mani sconosciute, orfane di un ultimo abbraccio che non sono mai riuscite a dare, di visi che non hanno più potuto stringere o che non hanno mai potuto conoscere. Accanto ai fiori foto in bianco e nero sbiadito e due righe per ricordare… “Giovanni ti ho amato per tutta la vita e ti amerò per tutto il resto che mi rimane da vivere, spero un giorno di poterti riabbracciare… tua Carmela”, “Ciao nonno Sante, in questo giorno ti ricordiamo tutti…I tuoi figli e i nipoti che non ti hanno mai conosciuto, Lucia, Matteo, Cristiano, Luigi… Ti vogliamo bene…”.

Un vecchietto magrolino si avvicina in bicicletta, si ferma, si toglie il cappello sistemandosi la canuta chioma con un colpo di mano, si aggiusta gli occhiali sul naso e girandosi verso di noi fa “…ci sono stato anch’io sopra uno di questi, è stato tanto tempo fa… Ci stavano portando al campo di… Dentro eravamo stipati come bestie, c’era gente che si sentiva male, non mangiavamo da giorni, era così pieno che non potevamo che restare in piedi, per ore, per giorni, in mezzo ai nostri stessi escrementi, dovevamo farli lì, non c’era altro modo.. C’era una puzza che non si poteva respirare… Ad un certo punto il treno si è fermato in mezzo a un campo di grano, era una bellissima giornata…”.

Mi chiedo “…ma perchè mi sta raccontando queste cose, a me che sono uno sconosciuto?…”, ovvio, il bisogno di parlarne gli ribolliva dentro come un’oscura nebulosa, tutto quel dolore doveva trovare il modo di uscire fuori, condividendolo con qualcuno forse quel ricordo sarebbe stato meno opprimente, meno terrificante, meno orribile… doveva dirlo a qualcuno!

Intanto intorno a noi sie era raccolta una piccola folla di gente che attonita, silenziosa e impietrita ascoltava il racconto di quel vecchio. “…Ad un certo punto qualcuno ha aperto la porta del nostro vagone… Perchè sono furbi quelli lì, lo sapevano…”, in un istante il mio cervello inconsapevole realizza il diabolico piano e ci arrivo anch’io “…ma certo!” penso, “…così la gente affamata scenderà per mangiare il grano!”. Il vecchio prosegue “…appena aperte le porte tutti si sono precipitati in massa giù dai vagoni e si sono avventati sulle spighe di grano per mangiarle, io cercavo di fermarli, gli urlavo disperatamente di tornare sui vagoni, perchè ci avrebbero ammazzati tutti, ma avevano troppa fame!… Non capivano più niente… E te lo dico io che sono furbi, lo hanno fatto apposta quelli lì…”, intanto mi guardavo intorno, il gelo più profondo era calato su di noi, dai visi tesi e attoniti delle persone traspariva, tutti avevamo già capito.

Il vecchio con voce rotta prosegue “… allora il comandante ci urla <<…c’è qualcuno che parla tedesco qui?…>>, io parlo tedesco, e allora gli rispondo <<Ich spreche Deutsch>>, lui mi fa (il vecchio ce lo dice in tedesco e poi ci traduce) <<di ai tuoi compagni che tornino subito sui vagoni, altrimenti apriamo il fuoco>>. Il vecchio mentre parla scoppia in lacrime, io a fatica trattengo il pianto, intorno a noi molti ormai stanno piangendo come se ai piedi di quel vagone quel giorno ci fossero stati anche loro, Monica si stringe a me in un pianto dirotto che le inonda il viso.

Il vecchio singhiozzando prosegue “…allora io mi sono messo a urlare <<tornate sul vagone!…tornate su!… questi non scherzano, ci ammazzano tutti!… tornate su vi scongiuro!… Ma niente, loro continuavano a mangiare… E allora hanno aperto il fuoco…”, il vecchio si interrompe, per qualche secondo si abbandona al pianto e alla disperazione del ricordo, poi si riprende quanto basta per continuare “…si sono messi a sparare coi loro mitra… rattattattatta!!… Gli altri cadevano, uno dopo l’altro sparivano in mezzo alle spighe di grano… Li hanno fatti fuori tutti, tutti!… Non ne è rimasto in piedi neanche uno…”.

Il vecchio si pulisce gli occhiali bagnati di lacrime, con l’astio disperato di chi a distanza di 60 anni non può ancora perdonarsi di non aver potuto fare nulla, “…poi il comandante mi dice <<vai là e controlla che siano tutti morti… e li ho pensato <<…è la fine! adesso ammazzano anche me, tanto non gli servo più, non c’è più nessuno a cui dover tradurre…>>. Io non volevo andare, avevo paura, e lui mi diceva <<se non ci vai ti ammazziamo qui sul posto>> e allora sono andato… Erano tutti lì, riversi a terra in quel maledetto campo, ce n’erano dappertutto, e io andavo vicino, cercavo di capire se erano ancora vivi, ma non riuscivo a guardarli in faccia, non potevo guardarli in faccia…”.

Monica mi tira il braccio, non può più sopportare tanto dolore, contriti e profondamente turbati riprendiamo il nostro cammino nel più totale silenzio.

Mille documentari, mille speciali in televisione, agli orari più assurdi, mille racconti, mille libri… Ma le parole di quel vecchio non riuscirò mai a dimenticarle, per tutta la mia vita.

Non dimentichiamo “se vogliamo che tutto questo non accada di nuovo“… Ma in realtà accade ancora, tutti i santi giorni…

Dalla parte delle vittime… tutti i santi giorni…

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su gennaio 25, 2013 in Varie

 

Tag:

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: